• banner

    Il Presidente Bonanno ha firmato l'appello di Greenpeace per la tutela delle Bocche di Bonifacio


    Comunicato stampa del 03.08.2009

     Il Presidente del Parco Giuseppe Bonanno ha partecipato oggi, a bordo della nave “Rainbow Warrior”, alla cerimonia per la firma dell’appello di Greenpeace ai Ministri dell’ambiente italiano e francese per rilanciare il progetto di costituzione di un’area marina protetta a livello internazionale e del Parco marino internazionale delle Bocche di Bonifacio.

    Il tema della tutela dello Stretto, ancora soggetto al passaggio di navi mercantili, petroliere ed altri mezzi che possono mettere a forte repentaglio l’equilibro dell’ecosistema dell’area marina, è argomento caro al Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, che da oltre un anno ha avviato un proficuo rapporto di collaborazione con l’ente gestore della riserva naturale di Lavezzi – l’Office de l’Environnement de la Corse – col quale finalmente, dopo dieci anni di stasi, ha rilanciato il processo di realizzazione del Parco marino internazionale coinvolgendo i rispettivi Ministeri dell’ambiente già nei mesi scorsi.

    L’iniziativa di Greenpeace, quindi, si sposa perfettamente con le politiche del Parco; l’auspicio è tuttavia che le parole e l’iniziativa simbolica possano tradursi, già nel breve periodo, in fatti e non restare solo buone intenzioni.

    Il Presidente del Parco ha rilasciato la seguente dichiarazione: "Ho apprezzato molto l’iniziativa di Greenpeace, poiché è utile a stimolare con voce autorevole, non solo nell’opinione pubblica italiana e francese, ma anche nei rispettivi livelli governativi, il dibattito sulla necessità di stabilire vincoli più forti e limitare il passaggio di navi mercantili che ogni giorno mettono a rischio l’ambiente marino – e non solo – dell’area.
    Sono soddisfatto per le dichiarazioni delle autorità italiane e francesi, in particolare per quelle del Vicepresidente della Regione Sardegna Bastianino Sannittu e del Sindaco di S. Teresa di Gallura Piero Bardanzellu, i quali hanno posto l’attenzione sulla necessità di accelerare il processo di creazione del Parco marino internazionale. Sulla stessa linea la Presidente della Provincia di Olbia-Tempio Pietrina Murrighile.
    Paradossalmente l’unica voce fuori dal coro è stata quella del Sindaco di La Maddalena; il Sindaco Comiti ha infatti voluto prendere la parola uscendo fuori tema perché, anziché parlare di tutela dell’ambiente nelle Bocche di Bonifacio e di Parco marino internazionale, come hanno fatto gli altri ospiti che sono stati invitati a tenere un breve discorso, ha invece colto l’occasione per polemizzare sulla legge istitutiva dei Parchi, manifestando chiaramente la sua disattenzione nei confronti di uno dei principali strumenti di tutela dell’ambiente attualmente previsti dall’ordinamento italiano. Il Sindaco, anziché collaborare con l’Ente Parco, sfrutta un’occasione così importante per contestare in modo sterile l’ente preposto alla tutela del suo stesso territorio, forse non consapevole del fatto che, poiché una legge già esiste, finché la stessa non sarà modificata dal parlamento, è compito e dovere del Sindaco rispettarla collaborando col Parco."

    Data: 
    03.08.2009
    AllegatoDimensione
    2009-08-03_greenpeace-firma-appello-parco.pdf26.04 KB

    Newsletter del Parco

    Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti sulle attività del Parco

    Linea Amica

    banner_linea-amica.jpg

    Utenti on-line

    Ci sono attualmente 0 utenti e 6 visitatori collegati.