• banner

    Cooperazione con le Forze dell’ordine, primi risultati della stagione estiva


    Comunicato stampa del 19.08.2009

    Continua – e durerà per tutto il mese di settembre – l’attività di monitoraggio del personale dell’Ente Parco in tutta l’area marina del Parco; parallelamente iniziano a dare i primi risultati le attività di cooperazione col Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della Regione Sardegna. Il protocollo sperimentale avviato nelle scorse settimane ha infatti permesso ad alcuni dipendenti della Forestale regionale di essere a bordo dei gommoni utilizzati dal Parco per le attività di monitoraggio.

    La cooperazione tra i due enti ha consentito di registrare una maggiore incisività contro gli illeciti ambientali, in violazione non solo delle regole del Parco ma anche di norme regionali, nazionali e comunitarie. Di seguito gli episodi più significativi:

    Pesca illegale
    Alcuni turisti sono stati trovati in possesso di esemplari di Pinna nobilis appena pescati; ad assistere alla scena è stato Tommaso Gamboni dell’Associazione “G. Cesaraccio” che gestisce, grazie al finanziamento del Parco, il Museo geomineralogico di Stagnali, che ha prontamente richiesto l’intervento del C.F.V.A. e del personale dell’Ente Parco. I turisti sono stati immediatamente rintracciati e identificati, e agli stessi è stata applicata una sanzione amministrativa.
    Per quanto riguarda invece la pesca della cernia – che è una specie ad alto rischio di estinzione e per tale ragione è stata inclusa nell’apposita lista, denominata Red list, aggiornata annualmente dall’Organizzazione Mondiale per la Protezione della Natura (IUCN) – nei confronti di alcuni pescatori subacquei sono stati addirittura avviati, da parte del C.F.V.A, procedimenti penali.

    Accensione di fuochi
    In località Cala Brigantina dieci turisti sono stati sorpresi dai gommoni del Parco ad accendere un fuoco sulla spiaggia per arrostire carne ed altri alimenti; il Coordinatore del Parco, Bruno Paliaga, ha immediatamente avvisato il C.F.V.A. anche per gli elevati rischi connessi all’innesco di incendi boschivi, particolarmente elevati in questo periodo. La Forestale regionale, dopo aver condotto alla propria stazione le persone, ha elevato agli interessati una sanzione amministrativa.

    Episodi di inciviltà
    All’alba di pochi giorni fa è stata segnalata sulla Spiaggia del Cavaliere, nell’isola di Budelli, la presenza di alcuni turisti, che avevano oltrepassato col proprio gommone i cavi tarrozzati appositamente posizionati dall’Ente Parco all’inizio della stagione estiva a tutela dell’incolumità dei bagnanti e per finalità di protezione ambientale. Il personale del Parco e del C.F.V.A. hanno raggiunto l’area e sorpreso un cane a defecare sull’arenile, oltre alla presenza del mezzo nautico sullo stesso. I turisti, dopo aver pulito l’arenile su esplicito invito delle Forze dell’ordine ed essere stati riaccompagnati sulla loro imbarcazione, sono stati denunciati per occupazione abusiva di suolo pubblico.

    Altre attività di monitoraggio delle Forze dell’ordine
    Il Presidente del Parco vuole infine ringraziare la Nave “Ubaldo Diciotti” che agli inizi del mese di agosto ha svolto servizio di vigilanza dei litorali nordorientali della Sardegna, anche all’interno dell’area del Parco, ed in particolare nello specchio acqueo ricompreso tra Cala Volpe ed il complesso delle Isole di Soffi, Camere, Mortorio e Mortoriotto. L’imbarcazione della Guardia Costiera ha infatti riscontrato numerosi casi di violazione delle leggi istitutive del Parco e di altre norme emanate dalle località autorità marittime.

    Il Presidente del Parco Giuseppe Bonanno ha rilasciato la seguente dichiarazione:
    Il protocollo sperimentale di cooperazione avviato quest’estate con le Forze dell’ordine, e in particolare con la Forestale regionale, inizia a dare i primi risultati. Episodi come il prelievo di Pinna nobilis e la pesca della cernia, ma anche l’accensione di fuochi, sono assolutamente deprecabili, ma per dare al pubblico le necessarie informazioni occorrerebbe forse un po’ più di buona volontà anche da parte degli enti locali. Come ho sempre sostenuto, la via della cooperazione non può che ottimizzare le risorse disponibili e portare a piccoli risultati concreti per la tutela dell’ambiente. “
     

    Data: 
    19.08.2009
    AllegatoDimensione
    2009-08-19_cooperazione-forze-dell-ordine.pdf53.44 KB

    Newsletter del Parco

    Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti sulle attività del Parco

    Linea Amica

    banner_linea-amica.jpg

    Utenti on-line

    Ci sono attualmente 0 utenti e 5 visitatori collegati.