• banner

    Budelli, un risultato storico chiude il 2013 dell’Ente Parco


    Comunicato Stampa del 30.12.2013

    Si chiude con un risultato storico il 2013 del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena presieduto da Giuseppe Bonanno e diretto da Ciro Pignatelli. L’obiettivo raggiunto, strappato con tenacia e con un lungo lavoro di mediazione intensificatosi in particolare negli ultimi mesi dell’anno, è stato la possibilità di ottenere le risorse finanziarie da parte del Governo per acquisire al patrimonio pubblico l’Isola di Budelli esercitando il diritto di prelazione a chiusura dell’asta fallimentare che lo scorso ottobre ha visto il neozelandese Michael Harte diventare proprietario dell’isola. In questi giorni gli ultimi passaggi amministrativi di una procedura che vedrà l’isola simbolo del Mediterraneo diventare un patrimonio collettivo a vantaggio dell’intera comunità maddalenina e dei suoi ospiti.Un doveroso ringraziamento va ai centomila firmatari della petizione promossa da Change.org e all’ex Ministro Alfonso Pecoraro Scanio che ha animato l'iniziativa e a Sinistra ecologia e libertà che ha presentato l'emendamento chiave insieme tutte le forze politiche che, in maniera pressoché trasversale hanno sostenuto l'iniziativa. 

    Un anno di intense attività dal punto di vista scientifico, culturale e nell’ambito della tutela ambientale che ha visto impegnato l’Ente Parco nel tentativo di diversificare i settori d’intervento provando a dare risposte in linea con le finalità istitutive  anche rispetto alle drammatiche esigenze occupazionali che attraversano l’intero paese e che colpiscono duramente La Maddalena. Fondamentali, nell’ambito delle attività dell’Ente deve essere considerato anche in prospettiva di medio periodo l’allestimento e l’inaugurazione del “GaribaldiLab” – laboratorio degli oli essenziali, il completamento dei lavori all’interno del CEA – Centro di educazione ambientale del Parco a Stagnali sull’isola di Caprera e in chiave di diversificazione e destagionalizzazione dell’offerta turistica: l’organizzazione della “Settimana del Parco” e le giornate di “Operazione Thalassa” che hanno fatto da sfondo alle attività di carattere più prettamente scientifico promosse sul campo con i monitoraggi a terra e mare e le campagne per l’eradicazione degli ibridi di cinghialexmaiale sulle isole di Caprera e di La Maddalena.

    Affiancata all’attività amministrativa ordinaria dell’Ente guidato a partire dal mese di Maggio dal Direttore Ciro Pignatelli le iniziative realizzate nell’ambito della progettazione europea. Fiore all’occhiello delle attività del Parco l’oramai istituito GECT- PMIBB Parco Marino Internazionale delle Bocche di Bonifacio che si appresta a nominare il comitato scientifico altamente qualificato, a questo si affiancano i progetti NOSTRA Network Of STRAits (per la valorizzazione degli stretti marini presenti all’interno dell’UE), il progetto MEDUSE rivolto alla valorizzazione della conoscenza delle aree marine protette attraverso la ricerca e l’innovazione scientifica e tecnologica e a quello SHARKLIFE per la tutela dei pesci cartilaginei presenti nel Mediterraneo.

    Nel corso del 2014 l’Ente Parco dovrà perseguire 4 macro-obiettivi che sono fondamentali per la realizzazione compiuta e il consolidamento dei risultati ottenuti negli anni precedenti. I 4 obiettivi riguardano la valorizzazione delle risorse umane presenti all’interno dell’Ente, il consolidamento delle strutture fisiche del Parco, l’approfondimento della conoscenza del territorio attraverso la ricerca scientifica e il processo di internazionalizzazione del Parco. Per le assunzioni annualità 2013 sono stati utilizzati fondi per due milioni di euro tra contratti a tempo indeterminato, determinato e collaborazioni su fondi a valere da trasferimenti dello stato ma sopratutto fondi derivanti da progetti comunicari, regionali e fondi straordinari su progetti nazionali. Anche per l’annualità 2014 verrà riconfermato l'impegno di 2 milione di euro per  il personale. L’anno 2013 ha visto il varo del Piano di razionalizzazione dei beni immobili e degli spazi demaniali in uso governativo al Ministero dell’Ambiente, strumento di gestione e ottimizzazione delle risorse che si è rilevato avere un impatto positivo nella razionalizzazione non solo degli spazi ma, soprattutto, delle attività dell’Ente. 

    Per l’anno 2014 sarà necessario implementare le attività del laboratorio “Garibaldi-Lab” con lo studio relativo all’allevamento e valorizzazione ai fini cosmetici e scientifici delle spugne mediterranee. Ai fini di implementazione e ottimizzazione degli spazi del CEA si prevede, per il prossimo anno la riorganizzazione del capannone dedicato al “laboratorio della conoscenza” con allestimento dell’area dedicata al  primo intervento sulla fauna in difficoltà e allocazione, nello stesso spazio, delle attività relative al monitoraggio ambientale. A questo proposito l’Ente Parco procederà a spostare le attività del Centro di ricerca delfini all’interno di questo nuovo spazio dedicato alla ricerca e al monitoraggio che sarà denominato Centro operativo per il Piano di Utilizzo e Monitoraggio Ambientale. L’Ente Parco proprio in queste settimane sta avviando una convenzione con l’A.I.A.B – Associazione italiana agricoltura biologica per la realizzazione, organizzazione e gestione di un “Centro esperienziale” presso il CEA.

    Il  Cea – Centro di educazione ambientale del Parco sull’isola di Caprera è lo spazio fisico intono al quale si intende proseguire a caratterizzare l’attività di promozione e di educazione ambientale del Parco. Con i suoi quasi 4000 mila visitatori, concentrati in particolare durante la stagione estiva, i Musei del Parco: “Museo Geomineralogico” e “Museo del mare e delle tradizioni marinaresche” rappresentano una risorsa qualificante per il Parco e per l’offerta turistica del territorio. Particolarmente significativa è stata la stagione di animazione durante i mesi di Agosto e Settembre collegata alla manifestazione “Discover Park”: un totale di 450 ospiti hanno scelto di scoprire l’Arcipelago  attraverso i suoi percorsi naturalistici, storici, culturali e gastronomici: una sfida in crescendo che ha qualificato l’offerta turistica del territorio. Il tentativo da parte dell’Ente di provare a raccordare armonizzandole in un’unica proposta diverse risorse presenti in particolare sull’isola di Caprera: “Sentieri del gusto”, “Compendio Garibaldino”, “Memoriale Garibaldi” è risultato positivo e significativo per le prospettive future e che si ripeterà anche per la prossima stagione.

    Importanti i numeri relativi alle presenze di imbarcazioni a mare autorizzate durante il 2013. Nel corso dell’anno sono stati rilasciati dall’Ente Parco 12.563 autorizzazioni, di cui 8385 i permessi elaborati direttamente dagli uffici dell’Ente, 7484 rilasciati dagli agenti di riscossione via mare - 892 all'Ufficio relazioni con il pubblico, 2561 via web e 1617 tramite le strutture convenzionate. Chiaramente le presenze sono concentrate dal 1 maggio al 31 Ottobre sul totale complessivo di 12.563 autorizzazioni ben 12.501 sono relative a questi mesi; 7.766 autorizzazioni sono state emesse per imbarcazioni a motore e 4735 invece per imbarcazioni a vela.

    Per l’anno 2014 si deve procedere con maggior impegno e determinazione alla verifica, controllo e monitoraggio degli impatti ambientali attraverso un’implementazione e maggior strutturazione del Piano di Utilizzo e Monitoraggio Ambientale. Piano di Utilizzo e Monitoraggio Ambientale (PUMA), avviato nel 2013 e redatto congiuntamente dall’ufficio ambiente e dall’ufficio tecnico, obiettivo dell’anno 2014 è quello di uscire dalla fase di sperimentazione per entrare in una fase di codificazione puntuale tale da renderlo strumento di gestione e supporto sistematico alle decisioni assunte dall’Ente.

    Qualificante dal punto di vista della ricerca scientifica è stato il lavoro realizzato nell’ambito del POR FESR – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, progetto cofinanziato dall’Unione Europea – La Sardegna cresce con l’Europa, “Monitoraggio dello stato di conservazione degli habitat e delle specie delle Direttive habitat e uccelli” realizzato nelle aree SIC e ZPS ricadenti all’interno del perimetro del Parco con una verifica dello stato della prateria di Posidonia oceanica, dello stato delle colonie di uccelli marini nidificanti: Marangone dal ciuffo, Berta maggiore, Berta minore, Gabbiano corso e i dati relativi al censimento di Silene velutina realizzati dal personale dell’Ufficio ambiente dell’Ente Parco. Il progetto oltre che i monitoraggio sul campo, ha visto la realizzazione della cartografia aggiornata degli habitat e delle specie animali e vegetali oltre che l’aggiornamento del sistema informativo SIRA, Sistema Informativo Ambientale Regionale nato con l’obiettivo di diffondere l’informazione ambientale sia nei diversi livelli della Pubblica Amministrazione sia per diverse categorie di soggetti privati con la creazione di un’unica gestione della banca dati di informazioni ambientali.

    Data: 
    30.12.2013

    Newsletter del Parco

    Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti sulle attività del Parco

    Linea Amica

    banner_linea-amica.jpg

    Utenti on-line

    Ci sono attualmente 0 utenti e 11 visitatori collegati.