• banner

    Il museo geo-mineralogico naturalistico di Stagnali (Isola di Caprera)


    Il museo, realizzato per conservare il materiale raccolto dall’Associazione Cesaraccio, è stato inaugurato e aperto ufficialmente al pubblico il 1 marzo 2002. Nelle due grandi sale sono esposti campioni di rocce, minerali, fossili, sabbie di spiaggia, conchiglie, flora e fauna marina, provenienti essenzialmente da numerose località del territorio del Parco; tra i campioni minerali degni di nota sono presenti, giganteschi gruppi di cristalli di quarzo affumicato (sino a 150 kg e 65 cm di lunghezza) descritti su alcune riviste italiane e straniere (Gamboni A. Gamboni T., 2000), provenienti dal settore nord orientale dell’isola di Caprera che prende il nome di Punta Crucitta; è presente una piccola saletta attrezzata per le video-proiezioni e didattica per le scuole, oltre ad un piccolo laboratorio con microscopi e l’occorrente per l’identificazione e la preparazione dei campioni che andranno esposti. Uno spaccato di cava di granito con attrezzi da lavoro, binario, carrello, forgia, foto, documenti storici e cimeli, ricorda la vita e le abitudini degli scalpellini che hanno lavorato a Cala Francese.

    La struttura può contare inoltre su numerose donazioni fatte da semplici cittadini, i quali con animo sensibile hanno contribuito ad accrescere la presenza di materiale; una sezione del Museo è destinata all’esposizione delle tantissime conchiglie e crostacei, provenienti dalle Bocche di Bonifacio e dal territorio del Parco; inconsueta, infine, è la collezione di meteoriti proveniente dalle maggiori località di impatto sulla terra.

    Le finalità del Museo sono:
    - promuovere, coordinare e compiere ricerche, studi di carattere geologico e mineralogico per lo sviluppo delle conoscenze in tali settori;
    - raccogliere, identificare, catalogare e studiare il materiale raccolto, con particolare interesse per quello locale;
    - contribuire alla diffusione di una cultura di massa nel campo della mineralogia e della geologia con la pubblicazione di studi, saggi e ricerche; svolgimento di attività didattica con l’organizzazione di conferenze, mostre, incontri con le scolaresche ed altre iniziative utili allo scopo;
    - collaborare con istituti universitari, associazioni scientifiche, organi di ricerca ed altri enti.

    Il materiale esposto al Museo potrà essere visionato ed esaminato con attenzione da studiosi, ricercatori o semplici cittadini interessati che ne facciano richiesta scritta all’Ente Parco, sotto la sorveglianza degli incaricati dell’Associazione Giovanni Cesaraccio. Nel territorio del Parco Nazionale Arcipelago di La Maddalena è vietata la libera ricerca e raccolta di minerali e rocce, essa e consentita, anche da parte di semplici amatori, solamente per scopi scientifici, previa autorizzazione rilasciata dall’Ente Parco.

     

    ORARI 

     

    Si consiglia – per gruppi superiori alle 10 persone – di prenotare telefonando ai seguenti numeri:

    • Museo Geo-Mineralogico Naturalistico G.Cesaraccio – Ass. G. Cesaraccio - Tommaso Gamboni tel. 338/5940560

    • Museo del Mare e delle Tradizioni Marinaresche – Italia Nostra sez. La Maddalena - Lucia Spanu – tel. 345/8004279

    LINK

    La pagina web del Museo curata dall'Associazione "G. Cesaraccio": http://web.tiscali.it/ass_cesaraccio/museo.htm

     

    Newsletter del Parco

    Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti sulle attività del Parco

    Linea Amica

    banner_linea-amica.jpg

    Utenti on-line

    Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.