• banner

    Partecipazione e incontri pubblici


    Al via dal 24 settembre al 9 ottobre le consultazioni pubbliche per la definizione del Piano per il Parco. Cinque appuntamenti programmati tra la fine di settembre e la prima parte del mese di ottobre, ai quali tutta la comunità maddalenina è invitata a partecipare per provare a definire, congiuntamente al Gruppo di lavoro appositamente incaricato dall’Ente Parco, linee guida condivise e discusse in vista della stesura della prima bozza del principale documento di pianificazione territoriale dell’Ente.
    Agli incontri pubblici si abbina anche l'apertura di uno sportello dell'Ufficio del piano: lo sportello "fisico" sarà aperto dal 27 settembre al 18 ottobre dal lunedì al venerdì dalle 12.00 alle 14.00, mentre per quello "virtuale" saranno attivati due indirizzi email - uno ordinario e uno dedicato alla posta elettronica certificata - ed un modulo web tramite il quale inviare le proprie osservazioni.

    Un Piano che prova a partire dalle esigenze della comunità, cercando di raccogliere umori, sensazioni e punti di vista di chi quotidianamente vive, lavora e gode dell’Arcipelago e delle sue risorse ambientali e culturali.  Primo appuntamento fissato presso la Biblioteca del circolo ufficiali per venerdì 24 settembre - ore 17-20 - per l’udienza pubblica di presentazione, dal titolo "Il Parco per l’Arcipelago di La Maddalena". A seguire, durante le due settimane successive, nei locali del Centro di Educazione Ambientale a Stagnali si terranno quattro seminari tematici, attraverso i quali verranno sviluppati i principali punti strategici dello strumento di pianificazione.
    Di seguito l’elenco degli appuntamenti:
    venerdì 1 ottobre ore 16-20: seminario “Sviluppo turistico di qualità e valorizzazione dell’identità maddalenina”
    sabato 2 ottobre ore 9-13: seminario “Attività a mare e gestione dei litorali e degli specchi d’acqua”
    venerdì 8 ottobre ore16-20: seminario “Conoscenza, monitoraggio e gestione del patrimonio naturale e culturale”
    sabato 9 ottobre ore 9-13: seminario “Il paesaggio dell’Arcipelago di La Maddalena”

    I temi degli incontri
    Il tema Il Parco per l’Arcipelago di La Maddalena richiama il contributo potenziale di carattere generale che può venire dal Parco ad un migliore funzionamento del sistema dell’Arcipelago. E’ evidente che tale argomento va molto oltre i contenuti del Piano e del Regolamento del Parco, ma costituisce una cornice strategica e di collaborazione tra soggetti operanti nel Parco, sia nel campo dell’amministrazione pubblica, sia nella società.
    L’incontro Sviluppo turistico di qualità e valorizzazione delle risorse identitarie prevede un numero molto ampio di obiettivi e potenziali interventi: si va dagli interventi di valorizzazione delle risorse identitarie (basti pensare ai forti storici della Maddalena), al miglioramento della qualità dei servizi turistici (ricettività, accoglienza, mobilità), a politiche di destagionalizzazione mediante lo sviluppo di specifici segmenti di offerta (congressuale, scientifica, didattica, sportiva, etc). Un tema importante da affrontare è anche la dotazione di strutture alberghiere, che appare oggettivamente ridotta in relazione alla importanza turistica dell’Arcipelago.
    Il terzo appuntamento Attività a mare, gestione dei litorali e degli specchi d’acqua tocca uno degli aspetti più complessi e controversi del Parco Nazionale. E’ infatti dal mare che provengono i maggiori impatti sul territorio del Parco ed è sui litorali sabbiosi che si concentrano nella stagione estiva gli impatti più significativi provenienti dall’entroterra dell’Arcipelago stesso. Regolamentazione delle attività a mare e dell’afflusso ai litorali sabbiosi, criteri di gestione delle aree più sensibili, modalità di gestione sostenibile su basi economiche, regolazione dei flussi, accessibilità, pulizia, sorveglianza, vigilanza, attività di pesca; sono solo alcune delle questioni che afferiscono al tema. A tale intrinseca complessità si aggiunge il complesso tema delle competenze, delle procedure e delle normative specifiche che regolano la parte a mare del Parco nazionale.
    L’argomento Conoscenza, monitoraggio e gestione del patrimonio naturale e culturale è in fondo il tema classico e atteso di un parco nazionale, che si presenta però difficile, per la forte presenza di modificazioni storiche e perturbazioni antropiche e per uno stato complessivo dei fondali e delle coste che ha richiesto, nel tempo, interventi urgenti di regolamentazione e tutela. Un tema specifico riguarda il patrimonio storico militare, che si affianca ai temi di tutela degli habitat e delle risorse faunistiche e vegetazionali.
    Il seminario conclusivo, ultimo nella successione ma non certamente per importanza, assume una dimensione strategica primaria in quanto riguarda una risorsa strategica collettiva ed è legato al Paesaggio dell’Arcipelago della Maddalena. Il paesaggio è probabilmente il fattore di maggiore attrazione turistica del Parco Nazionale ed è elemento di riconoscimento dell’identità locale.  Nell’Arcipelago convivono paesaggi di eccellenza, classificabili come “bellezze naturali”, paesaggi “ordinari” legati alle attività che ordinariamente si svolgono nei luoghi di vita e di lavoro, come nel centro di La Maddalena, e paesaggi degradati, come nel caso dei disordinati insediamenti nel versante nord della penisola di Abbatoggia o nel quartiere “periferico” della Moneta. A La Maddalena è anche rilevante il tema dei paesaggi provvisori, legati alla trasformazione stagionale del paesaggio per l’ammassarsi di barche, macchine, bagnanti, talvolta rifiuti, in alcuni paesaggi che altrimenti possono essere definiti d’eccellenza.

    Newsletter del Parco

    Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti sulle attività del Parco

    Linea Amica

    banner_linea-amica.jpg

    Utenti on-line

    Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.