Comunicati

 11-mar-21
Speranza Tersina ha ingerito plastica che sta pian piano eliminando

Vi ricordate di “Speranza Teresina”, la Caretta caretta in difficoltà recuperata lo scorso 25 febbraio da parte di un peschereccio a largo di Capo Testa?

Dopo l’intervento di recupero del Parco di La Maddalena con l’Associazione SEAME Sardinia, in coordinamento con la locale AMP di Capo Testa Punta Falcone, il Corpo Forestale di Vigilanza Ambientale e la locale Delegazione di Spiaggia della Guardia Costiera – l’animale era stato consegnato al personale dell’Associazione CRAMA, che gestisce il Centro di Recupero Animali Marini del Parco Nazionale dell’Asinara.

Siete curiosi di come sia andata a finire? L’esemplare è stato sottoposto a indagini clinico diagnostiche che da subito hanno individuato, grazie alle radiografie, delle aree scure a livello intestinale.

L’ipotesi che potesse trattarsi di una costipazione da ingestione di plastica doveva però essere confermata e quindi i biologi e il veterinario del CRAMA hanno alimentato Speranza Teresina con del pesce molto grasso, per favorire l’evacuazione di eventuale materiale pesante presente nel suo intestino. 

La nostra tartaruga – da qualche giorno - ha quindi finalmente iniziato ad espellere del materiale plastico.

Se non fosse stata recuperata a mare in evidente stato di difficoltà, Speranza Teresina sarebbe quasi certamente morta! Troppi sono i residui plastici che navigano nei nostri mari, mettendo seriamente a rischio la vita degli animali marini.

Ricordiamo che la specie Caretta caretta nel Mediterraneo è classificata come “in pericolo” (endangered) nella Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura e specie prioritaria secondo Direttiva Habitat, pertanto necessita di particolare attenzione dal punto di vista conservazionistico.

Continueremo a darvi notizie sullo stato di salute di Speranza Teresina e siamo certi che ce la farà e potrà tornare a vivere nel suo ambiente naturale.

In caso di spiaggiamento e/o di avvistamento di tartarughe marine, delfini o altri cetacei in difficoltà, non avvicinarti troppo all’animale, evita di toccarlo e chiama subito la Capitaneria di Porto (𝟭𝟱𝟯𝟬) o il CVFA (𝟏𝟓𝟏𝟓). 

Nel caso non fosse possibile contattare 1515 e 1530, nell'area del Parco di La Maddalena potete anche contattare il gruppo di intervento: +𝟯𝟰𝟵𝟰𝟳𝟭𝟮𝟯𝟰𝟴 o +𝟯𝟳𝟭𝟰𝟯𝟴𝟵𝟭𝟯𝟰 

 

 
 

Altri comunicati correlati

30-apr-21

Il Parco ha avviato i progetti a tutela dell'isola di Budelli

La vicenda relativa all’acquisto dell’isola di Budelli da parte dell’Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago ....
Condividi:
01-apr-21

Zone economiche ambientali: opportunità per le imprese che ricadono in area Parco

Il Parco Nazionale di La Maddalena, nell'ottica di perseguire l'obiettivo di una ricaduta positiva concessa dalla ....
Condividi:
02-apr-21

Giornata internazionale per la consapevolezza sull'autismo: il parco avvia il progetto pilota

In occasione del 2 aprile, giornata internazionale per la consapevolezza sull’autismo possiamo annunciare l’inizio ....
Condividi:
16-mar-21

Primi risultati sul progetto di biomonitoraggio delle api

Lo sapevi che le api sono in grado di fornire una mole notevole di dati sullo stato di salute dell’ambiente? Per conoscerne ....
Condividi:

27-mar-21

Un’altra tartaruga marina soccorsa nelle acque del Parco

Si consolida il rapporto di collaborazione tra i Parchi Nazionali della Sardegna per la tutela del mare e delle specie all’interno ....
Condividi:
28-feb-21

RETE REGIONALE IN AZIONE: Il Recupero di una Caretta caretta in difficoltà

La mattina del 25/02/2021 il Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena è stato informato dal Corpo Forestale ....
Condividi:
24-feb-21

Attivazione della piattaforma “Istanze On Line”

Mai sentito parlare di open government e digitalizzazione? L’open government è un nuovo modo di essere delle ....
Condividi:
30-gen-21

Giornate ecologiche: il Parco collabora con i volontari di "Un Arcipelago senza Plastica"

L’Associazione  di Volontari “Un Arcipelago senza plastica”, nonostante il clima invernale sfavorevole, ....
Condividi:

11-gen-21

In via di attivazione il servizio per la presentazione delle istanze sulla nuova piattaforma

Il Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena rende noto che, a partire dal mese di febbraio 2021, le domande ....
Condividi:
23-nov-20

Nuova veste per la sede del Parco

In data 19/11/2020 il Parco ha avviato la procedura per l'individuazione dell'operatore economico cui affidare i ....
Condividi: