Archivio notizie

 07-set-21
Budelli diventa un esempio di ecosostenibilità
Budelli diventa un esempio di ecosostenibilità

Il Consiglio Direttivo, riunitosi lo scorso 27 agosto, ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica/progetto preliminare per gli interventi di “Efficientamento energetico fabbricato Cala di Roto Isola di Budelli. Spesa prevista: 194.974,98 Euro.

Il progetto - finanziato con i fondi Clima del Ministero per la Transizione Ecologica e con parte dell’avanzo di amministrazione dell’Ente Parco - rappresenta un grande investimento per il futuro dell’isola. La vecchia casa della Spiaggia Rosa sarà resa autosufficiente ed efficiente dal punto di vista energetico, idrico e di depurazione dei reflui.
E’ molto importante sottolineare che l’intervento punta esclusivamente su fonti energetiche rinnovabili, in considerazione della necessità di preservare l’elevato contesto naturalistico in cui si inserisce il caseggiato di Cala di Roto, isolato dalle reti di approvvigionamento energetiche tradizionali. La progettazione ha tenuto conto anche della necessità di ridurre il più possibile anche gli impatti visivi ed acustici.

Verrà installata una pompa di calore con tecnologia aria-acqua, capace di garantire livelli di efficienza sino alla classe A+++, sia per la climatizzazione invernale che estiva degli ambienti. Questo garantirà anche la produzione di acqua calda sanitaria. Per gli ambienti interni sia dell’edificio principale che della camera esterna sono stati previsti i LED bianchi che generano un'illuminazione di alta qualità. L’impianto fotovoltaico garantirà invece la conversione dell'energia solare direttamente in energia elettrica.

Il progetto prevede anche la sostituzione di tutti i serramenti esterni, con altri - sempre in legno - al fine di garantire la continuità architettonica, ma provvisti di moderni telai con vetri basso emissivi, per soddisfare i requisiti previsti dall’attuale normativa.
Sarà realizzato un intonaco termoisolante con l’impiego di materie prime di origine naturale, a norma, ad altissima porosità, igroscopicità e traspirabilità.
Le contropareti saranno isolate nel pieno rispetto dei requisiti CAM (Criteri Ambientali Minimi); il controsoffitto verrà realizzato con pannellature in sughero preformato e pretinteggiato da posare a vista (con soprastante pannello in lana di roccia in intercapedine a miglioramento delle prestazioni termiche) quale soluzione di isolamento della copertura, per una soluzione ad alto valore estetico e di assoluto comfort acustico.

Altro aspetto da considerare sarà lo smaltimento dei reflui provenienti dai servizi igienici e dalle utenze idriche in genere (docce e lavelli). Sarà infatti utilizzato il metodo della fitodepurazione che è un sistema naturale di depurazione delle acque di scarico costituito da un bacino impermeabilizzato riempito con materiale ghiaioso e vegetato da piante acquatiche.

Ma gli interventi per la valorizzazione dell’Isola di Budelli non si fermano qui. Infatti nella seduta dello scorso 27 agosto il Direttivo del Parco ha anche approvato il Progetto di messa in opera di telecamere di sorveglianza di Cala Di Roto (isola di Budelli).
In molti ricorderanno dell’impegno dei ragazzi della scuola di Mosso per l’Isola di Budelli. I ragazzi nel 2016 organizzarono una raccolta fondi per contribuire a rendere pubblica l’Isola di Budelli e mobilitare le coscienze verso la tutela di questo inestimabile bene ambientale, divenuto poi proprietà del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena.

I fondi raccolti da questi giovani ambientalisti, grazie alla collaborazione del WWF Italia è quindi stato devoluto al Parco Nazionale che ha deciso, in accordo con lo stesso WWF, di investirli nel progetto di installazione di telecamere che consentiranno un costante e attento controllo della spiaggia Rosa di Budelli, patrimonio indiscusso e d’eccellenza dell’Arcipelago di La Maddalena.
Questo importante intervento di efficientamento energetico, dal grande valore finanziario e ambientale, unito alla posa in opera di telecamere di videosorveglianza e al rifacimento delle passerelle e del sistema dunale di Cala di Roto, permetterà la riqualificazione dell’area per una futura e attenta fruizione del bene pubblico da parte di tutti i visitatori del Parco Nazionale.

 
 
 

Altre notizie correlate