Archivio notizie

 26-lug-21
10 modi per vivere al meglio l'Arcipelago rispettando la natura
10 modi per vivere al meglio l\'Arcipelago rispettando la natura

La natura e la biodiversità sono beni di inestimabile importanza per noi e per il nostro pianeta. L’Arcipelago di La Maddalena in particolare, è un ecosistema fragile da preservare. Oltre ad essere riconosciuto a livello nazionale come Parco, fa parte della Rete Natura2000, istituita dalla Commissione Europea al fine di proteggere le aree più fragili del continente. 
Quindi doppia importanza per l’Arcipelago, che merita una particolare attenzione per quanto riguarda le nostre azioni quotidiane. 
Ti consigliamo questo decalogo per salvaguardare l'Arcipelago di La Maddalena e contribuire in prima persona alla sua salvaguardia.  

1. Lascia la sabbia sulla spiaggia 
Il processo di formazione di una spiaggia è molto complesso e lungo, si tratta infatti di un equilibrio naturale tra deposito ed erosione. Se alla naturale erosione sommiamo la sottrazione di una piccola quantità di sabbia da parte dei visitatori tutte le estati, ecco svelato come nel giro di pochi anni si possa arrivare a un fenomeno di erosione assolutamente sbilanciato rispetto al fenomeno di deposito. Colleziona ricordi, passi, emozioni, foto e lascia dietro di te solo impronte, senza danneggiare in alcun modo quello che hai visto. 

2. Scuoti  bene asciugamani, ciabattine, borse e maschere 
Porta a casa solo ricordi, emozioni e foto lasciando dietro di te solo impronte senza danneggiare quello che hai visto. Buona prassi è quindi scuotere e risciacquare bene tutta l’attrezzatura utilizzata sulla spiaggia, ti ci vorrà solo qualche minuto in più. 

3. Porta a casa i rifiuti e smaltiscili 
Il report di Legambiente, sullo stato di pulizia delle spiagge italiane fa emergere un dato preoccupante: una media di 783 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia. Dato che supera di gran lunga il valore soglia o il target di riferimento stabilito a livello europeo: meno di 20 rifiuti spiaggiati ogni 100 metri lineari di costa per considerare una spiaggia in buono stato ambientale. Quindi porta a casa o in discarica i tuoi rifiuti e smaltiscili nella differenziata: contribuirai a lasciare pulita la spiaggia anche per chi viene dopo di te!

4. Rispetta la fauna e la flora locale 
Rispettare la fauna e la flora in spiaggia è importantissimo: evitando l’inquinamento acustico eccessivo, gli animali saranno grati. Ancora più importante evita di catturare granchi, molluschi, meduse o pesci per lasciarli nei secchielli: se il mondo marino e della la sua fauna ti incuriosiscono,  rispettali e scegli attività più sostenibili e rispettose come lo snorkeling. Inoltre è buona prassi mantenere la distanza dai luoghi di nidificazione della fauna, come quelli prediletti dal Gabbiano Corso, specie endemica di questi luoghi!

5. Segui le passerella per raggiungere la spiaggia 
Il sistema dunale è un habitat fragile, custode di ambienti di grande interesse naturalistico ed ecologico, che delimita e protegge l’ambiente retrostante, interponendosi al mare. Al fine di salvaguardare questo ambiente l’Ente Parco - in alcune delle principali spiagge di La Maddalena e Caprera dove il sistema dunale è a rischio -  ha costruito una serie di passerelle in legno che permettono ai visitatori di raggiungere la spiaggia in modo del tutto rispettoso della natura. Le passerelle sono anche un ottimo mezzo per chi presenta disabilità motorie, di raggiungere la spiaggia con apposite sedie a rotelle in grado di entrare fin dentro l’acqua

6. Utilizza meno plastica monouso 
Per fermare la diffusione della plastica potremmo provare varie alternative: usiamo borse di tela, borracce per l’acqua ed evitiamo le posate e i bicchieri monouso. Stando al report Beach Litter di Legambiente i rifiuti censiti sono di ogni forma e tipo, per lo più usa e getta, legati principalmente agli imballaggi, al consumo di cibo e ai rifiuti da fumo: dalle bottiglie ai contenitori e tappi di plastica, dai mozziconi di sigaretta ai calcinacci e ai frammenti di vetro, per arrivare a dischetti, guanti e mascherine. Il Parco per contribuire ad un significativo cambio di mentalità e rafforzare il concetto di ecosostenibilità, fornisce ad alcuni ristoratori e albergatori che aderiscono al progetto Isole Amiche del Clima posacenere da spiaggia, bicchieri, piatti in mater-bi e detergenti ecocompatibili. 

7. Mantieni la giusta distanza dalla spiaggia se sei in gommone/imbarcazioni
Arrivare fino in spiaggia in gommone è vietato, puoi farlo però a nuoto lasciando l’imbarcazione alla dovuta distanza. Non oltrepassare quindi i cavi tarozzati e non lasciare il tender in spiaggia, oltre a incorrere in sanzioni, rispetterai le aree riservate ai bagnanti

8. Rispetta le aree con Posidonia oceanica 
Le praterie di Posidonia oceanica sono ben presenti nell’area del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, proprio per questo bisogna fare molta attenzione  a dove  ancorarsi. Scegli quindi fondali sabbiosi e privi di Posidonia, eviterai danni irreparabili a questa importante pianta del Mediterraneo, fonte di ossigeno, protezione per gli animali, stoccaggio di anidride carbonica e tanto altro ancora.

9. Rispetta i limiti di velocità 
È importante rispettare i limiti di velocità sia durante la navigazione che durante l’avvicinamento alla spiaggia con il motore acceso.
- Il limite di velocità oltre i 300 mt dalla costa è di 15 nodi
- Il limite di velocità entro i 300 mt dalla costa è di 7 nodi
La sicurezza in mare è fondamentale per te, ma anche per chi nuota o naviga attorno a te!

10. Rispetta la zonizzazione del Parco
Ultima, ma non meno importante accortezza: rispetta le zone che il Parco ha individuato come TA o MA. Le aree TA sono aree di rilevante interesse naturalistico con limitato o inesistente grado di antropizzazione. Cala Coticcio e Cala Brigantina a Caprera, per esempio, sono zone di massima tutela e non possono essere percorse senza accompagnamento di una guida ambientale escursionistica. Le zone MA invece sono di rilevante interesse naturalistico il cui rapporto tra uomo e ambiente è limitato. Ti consigliamo quindi di prendere visione della zonizzazione del Parco prima di visitare l’Arcipelago via mare o via terra: rispetterai le sue regole e la natura!

 

 
 
 

Altre notizie correlate