Archivio notizie

 18-ago-21
Salvata a Ferragosto “Agostinella”, Caretta caretta di 22 kg
Salvata a Ferragosto “Agostinella”, Caretta caretta di 22 kg

Non si fermano i recuperi di fauna marina in difficoltà!

Ancora una volta si tratta di una tartaruga marina Caretta caretta recuperata il 15 agosto nelle acque del Parco. L’animale è stato recuperato nel canale tra Spargi e Budelli, in apparente stato di intorpidimento e con notevoli difficoltà nell’immersione, da parte di alcuni diportisti e dalla Capitaneria di Porto, che ha consegnato l’animale a SEA ME Sardinia, incaricata dall’Ente verde per gli interventi sulla fauna marina (cetacei e tartarughe) nell’area del Parco.

Ecco qualche indicazione sul comportamento da tenere in caso di avvistamento di tartarughe nelle acque del Parco nazionale:

- le tartarughe sono solite riposare sulla superficie dell’acqua. Possono apparire in difficoltà ma non lo sono: regolano la loro temperatura o semplicemente recuperano le energie. In questa condizione potrebbero anche non immergersi subito all’avvicinarsi della barca, ma questo non vuol dire che stiano male.

- se la tartaruga è ferita o impigliata in attrezzi da pesca chiamate subito la Capitaneria di Porto (numero emergenze 1530) o il Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della RAS (numero emergenze 1515). Non state troppo vicino all’animale ma seguitene il percorso a distanza e proteggetela fino al loro arrivo.

- non cercate mai di rimuovere i parassiti eventualmente presenti sull’animale.

- in caso di avvistamento di una tartaruga liuto, non toccatela o recuperatela per nessun motivo: non è fornita di scudo osseo, potreste danneggiarla irreparabilmente.

 
 
 

Altre notizie correlate