Archivio notizie

 02-set-21
Il Parco incentiva la mobilità sostenibile sul territorio
Il Parco incentiva la mobilità sostenibile sul territorio

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, nel 2020, aveva proposto e finanziato un quadro di incentivi per la realizzazione di “Interventi finalizzati alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici da parte degli Enti Parco nazionali”, di cui la Legge Quadro 6 dicembre 1991 n.394 e smii. L’Ente Parco, ottenuto il finanziamento, ha svolto un grande lavoro di squadra con l’Amministrazione comunale di La Maddalena per la realizzazione di “Interventi per la realizzazione di servizi e infrastrutture riguardanti la mobilità sostenibile”.


Nel corso del Consiglio Direttivo del 27 agosto scorso è stato approvato il progetto preliminare - per una spesa complessiva di € 10.244.000,00 - di realizzazione di un percorso ciclo-pedonale nel territorio del Comune di La Maddalena, più precisamente, tra il parcheggio in località Delfino, a Moneta e quello in località Stagnali, sull’isola di Caprera.
Risorsa importante per il territorio sotto il profilo etico-culturale, della mobilità sostenibile, dell’ecologia, della sicurezza e della valorizzazione del territorio, la rete prevede 4 distinti itinerari: percorsi per bici tradizionali, a pedalata assistita e scooter elettrici a 4 ruote per disabili.
Il progetto è articolato in 5 fasi principali:
1) La sistemazione e adeguamento delle aree parcheggio ai vertici del percorso: zona Moneta e zona Stagnali;
2) La realizzazione di un percorso urbano nella città di La Maddalena integrato con il percorso comunale in fase di progettazione;
3) La sistemazione della strada sulla diga-ponte tra La Maddalena e Caprera;
4) L’adeguamento del tratto stradale sull’isola di Caprera da destinare al traffico promiscuo;
5) L’individuazione delle aree di sosta, ristoro e ricarica elettrica delle biciclette, lungo il percorso;


Con questi interventi per la realizzazione di servizi e infrastrutture per la Mobilità sostenibile, il Consiglio Direttivo del Parco dà un segnale importante che dimostra l’impegno per favorire uno sviluppo del territorio che tenga conto primariamente dell’ambiente e ne valorizzi la fruizione sostenibile, lenta e attenta. Un’occasione ottima anche per destagionalizzare il turismo nell’Arcipelago, favorendo le stagioni di “spalla”.

 
 
 

Altre notizie correlate