Archivio notizie

 23-nov-21
La Maddalena Capitale della Cultura 2024: sosteniamo la candidatura!
La Maddalena Capitale della Cultura 2024: sosteniamo la candidatura!

Da Gallura Oggi.it del 22 novembre riportiamo questo articolo per incitare tutti a sostenere la candidatura di La Maddalena a Capitale della Cultura 2024 

La Maddalena si mobilita sui social per supportare la candidatura Capitale Italiana della Cultura 2024, ma sono diversi i contributi arrivati anche da altre parti d’Italia, e non solo.

“Armati” di un cartello raffigurante il logo ufficiale di candidatura i cittadini stanno condividendo le proprie foto sui social network utilizzando l’hashtag #lamaddalena2024. I maddalenini e gli amici dell’arcipelago ci credono e vogliono attivamente fare la propria parte.

“Siamo i figli di chi ha scolpito quest’isola di granito, di chi ha costruito le navi che hanno solcato i nostri mari e non solo, siamo i nipoti, siamo i padri, siamo i custodi di questo scrigno di bellezza. Sono i nostri occhi quelli che brillano quando raccontiamo la nostra storia. Siamo nostalgici e facili allo sconforto, siamo isolani, viviamo le mancanze a modo nostro. Ebbene noi queste mancanze vogliamo colmarle, non sarà facile, ma ci siamo dentro mani e piedi. Questo viaggio vogliamo godercelo, parlando di noi, del nostro Arcipelago Mondo. Della resilienza e della mescolanza che ci rende così speciali e che è ancora dentro ognuno di noi. Non è sparita: è nel nostro dialetto, nelle arti, nel modo di vivere, nella caparbietà di voler trasformare le fragilità in opportunità”, scrivono i promotori.

“Gramsci diceva che la cultura non è possedere un magazzino ben fornito di notizie, ma è la capacità che la nostra mente ha di comprendere la vita, il posto che vi teniamo, i nostri rapporti con gli altri. Essere comunità, fare squadra, raccontarsi per ciò che si è, ricordare il passato con affetto ed allo stesso tempo, con determinazione -anche ostinata- provare a costruire un nuovo futuro…non è anche questa cultura? Cultura per noi è anche stringersi intorno ad uno stemma, crederci, sognare il 2050 in questo arcipelago meraviglioso“.

“È vero, siamo una piccola comunità. Ma siamo una piccola comunità che è sempre stata al centro della storia italiana ed internazionale. Quali altre realtà come la nostra possono vantare tutto questo? La nostra visione è di anteporre alla rassegnazione il nostro spirito battagliero, perché siamo un “noi”, una rete, un’alleanza e da sempre viviamo in rapporto di reciproco scambio con gli elementi e le genti che costituiscono altri «arcipelaghi», geografici e ideali. Oggi più che mai desideriamo stare insieme e dimostrare che l’unità che storicamente ci contraddistingue è un valore su cui puntare per raggiungere i nostri obiettivi“, concludono.