Archivio notizie

 26-mar-21
Un’altra tartaruga marina soccorsa nelle acque del Parco
Un’altra tartaruga marina soccorsa nelle acque del Parco

Si consolida il rapporto di collaborazione tra i Parchi Nazionali della Sardegna per la tutela del mare e delle specie all’interno della Rete regionale per la fauna marina e del Santuario dei Cetacei Pelagos. I Parchi dell’Arcipelago di La Maddalena e dell’Isola dell’Asinara hanno infatti siglato un accordo di collaborazione per condividere un protocollo di intervento sugli animali in difficoltà.

Dopo il recupero della tartaruga marina “Speranza Teresina” avvenuto nei giorni scorsi, la mattina del 24 marzo il Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena è stato allertato da un cittadino dell’isola che ha notato una piccola tartaruga marina in difficoltà mentre nuotava in acque basse vicino alla penisola di Giardinelli.

Il Parco ha perciò attivato l’Associazione SEA ME Sardinia, che, recatasi sul posto, ha provveduto a identificarne la specie e a soccorrere l’animale, dopo averne constatato lo stato di salute precario.

Si trattava di una piccola Caretta caretta di circa 34 cm di lunghezza. Non è stato difficile recuperarla, eseguire le operazioni di primo soccorso e coordinare la procedura di trasporto e consegna al personale dell’Associazione CRAMA, subito attivatosi per assistere l’animale ed eseguire i controlli per stabilirne lo stato di salute.

L’Associazione CRAMA, che gestisce il Centro di Recupero Animali Marini del Parco Nazionale dell’Asinara, riferisce che all'esame obiettivo generale, sulla linea mediana, è stata rinvenuta una lesione traumatica di piccole dimensioni, riferibile a un trauma da investimento da parte di qualche imbarcazione. Anche l’acquaticità presenta dei problemi con un'incapacità ad effettuare un nuoto orizzontale con frequenti sbandamenti e rotazioni associati a torsione del collo sul lato sinistro.

L’esame radiologico ha infine mostrato una maggiore radiopacità del quadrante relativo al polmone sinistro e la presenza di una matrice ossea più intensa nella scapola sinistra, riferibile a una frattura parcellare in fase di risoluzione. Al momento, in attesa anche degli esiti degli esami ematochimici, non è possibile prevedere la durata della degenza.

Un particolare ringraziamento va al Sig. Varsi, che ha segnalato la presenza della tartaruga in difficoltà nelle acque dell’Arcipelago di La Maddalena e ha permesso che venisse soccorsa e quindi assistita e controllata.

Vi terremo informati sullo stato di salute della piccola tartaruga nelle prossime settimane.

In caso di spiaggiamento e/o di avvistamento di tartarughe marine, delfini o altri cetacei in difficoltà, non avvicinarti troppo all’animale, evita di toccarlo e chiama subito la Capitaneria di Porto (𝟭𝟱𝟯𝟬) il CVFA (𝟏𝟓𝟏𝟓) o, per segnalazioni nell’area del Parco Nazionale di La Maddalena, questi numeri del gruppo di intervento di SEA ME Sardinia: +𝟯𝟰𝟵𝟰𝟳𝟭𝟮𝟯𝟰𝟴 o +𝟯𝟳𝟭𝟰𝟯𝟴𝟵𝟭𝟯𝟰

 

 
 
 

Altre notizie correlate

Scade il 14 aprile il bando per le Zone Economiche Ambientali
#Educazione Ambientale
15-mar-21

Scade il 14 aprile il bando per le Zone Economiche Ambientali

Sei una piccola azienda, una guida escursionistica ambientale o una guida del parco? E' stato prorogato il bando lanciato ....
Condividi:
Disponibili le cartine 2021 realizzate 100% FSC
#Uffici per il pubblico
09-mar-21

Disponibili le cartine 2021 realizzate 100% FSC

Sono già state consegnate negli Uffici del Parco le edizioni 2021 delle cartine informative. Anche quest’anno ....
Condividi:
Nuovo Ministero della Transizione Ecologica
#Rispetto per l'ambiente
23-feb-21

Nuovo Ministero della Transizione Ecologica

Il Ministero dell’Ambiente si trasforma, assumendo nuove competenze riguardanti il tema della sostenibilità, ....
Condividi:

SICOMAR Plus: procedura di gara per monitoraggio Patella ferruginea
#Progetti comunitari
10-feb-21

SICOMAR Plus: procedura di gara per monitoraggio Patella ferruginea

Negli ultimi anni la sicurezza della navigazione nello spazio marittimo transfrontaliero è fortemente minacciata dall'aumento ....
Condividi:
Carcassa di delfino alla deriva. Ieri, il pronto intervento per il recupero
#Educazione Ambientale
06-feb-21

Carcassa di delfino alla deriva. Ieri, il pronto intervento per il recupero

Ieri mattina, grazie ad una segnalazione di Gianpiero Carcangiu per la presenza di una carcassa di delfino alla deriva nei ....
Condividi:
Borse di studio Citizen Science - approvate le graduatorie
#Educazione Ambientale
02-dic-20

Borse di studio Citizen Science - approvate le graduatorie

Pubblicate le graduatorie per l’assegnazione di borse di studio erogate dal Parco nazionale in favore degli studenti ....
Condividi:

Webinar sul cambiamento climatico in ambiente Mediterraneo
#Rispetto per l'ambiente
27-nov-20

Webinar sul cambiamento climatico in ambiente Mediterraneo

Seminario nazionale sull'analisi ed effetti del cambiamento climatico in ambiente Mediterraneo. L'evento, tenuto ....
Condividi:
Manutenzione dei banner mangia petrolio nel porto di Cala Gavetta
#Rispetto per l'ambiente
20-ott-20

Manutenzione dei banner mangia petrolio nel porto di Cala Gavetta

Prosegue la collaborazione tra il Parco Nazionale e il Comune di La Maddalena, nell’ambito del Progetto Isole ....
Condividi:
Ragno alloctono nel Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena
#Rispetto per l'ambiente
25-set-20

Ragno alloctono nel Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena

La nostra guida ambientale escursionistica Emanuela Zedda ha documentato la presenza nel nostro territorio, di un esemplare ....
Condividi:

Progetto di educazione ambientale avviato con Sensibilmente ONLUS
#Educazione Ambientale
19-set-20

Progetto di educazione ambientale avviato con Sensibilmente ONLUS

Crediamo molto in questo progetto di inclusione sociale ed educazione ambientale. E' tutto pronto per partire, attendiamo ....
Condividi: